L'assegno di mantenimento può essere versato direttamente al figlio maggiorenne quando questi ad esempio è studente universitario con una vita proiettata prevalentemente fuori dalle mura domestiche.

avvocato diritto civile
L'assegno di mantenimento può essere versato direttamente al figlio maggiorenne quando questi ad esempio è studente universitario con una vita proiettata prevalentemente fuori dalle mura domestiche.

Domenica 30 Dicembre 2012, 14.08

Autorità: Tribunale Novara
Data: 01 giugno 2012
Numero:
Classificazione
SEPARAZIONE DEI CONIUGI - Figli (provvedimenti relativi ai) - assegno di mantenimento
Intestazione

TRIBUNALE ORDINARIO DI NOVARA
SEZIONE CIVILE
Il Tribunale, composto dai magistrati:
dott Bartolomeo Quatraro PRESIDENTE
dott. Fabrizio Filice GIUDICE
dott.ssa Guendalina Pascale GIUDICE REL
ha pronunciato il seguente
DECRETO
nel procedimento ex art. 710 c.p.c, iscritto al n. 806/11 RG/F
promosso da:
S. R.
Elettivamente dom.to in Novara, via S. presso lo studio dell'Avv. P.
P. che lo rappresenta e difende per procura in atti
Resistente
Contro
M. A. A.
Elettivamente dom.ta in Novara, via B. presso lo studio dell'Avv. M.
D. che lo rappresenta e difende per procura in atti
resistente
Premesso

(Torna su ) Fatto
- che il sig. S. R. ha adito l'intestato Tribunale con ricorso ex art. 710 cpc per ottenere la modifica delle condizioni di separazione nel senso della revoca del proprio contributo al mantenimento della figlia maggiorenne S. e del concorso al 50% nelle spese straordinarie, o in subordine della rideterminazione dello stesso e del versamento diretto alla figlia, nonché nel senso della fissazione a carico della moglie di un'indennità di occupazione, o, in subordine, di un contributo al proprio mantenimento , nella misura mensile di euro 450,00;
- che parte ricorrente, a sostegno delle proprie pretese, ha dedotto, da un lato, l'intervenuto raggiungimento dell'autosufficienza economica da parte della figlia, assunta con contratto di apprendistato e non più convivente con la madre, dall'altro, l'inadempimento di controparte a quanto stabilito in data 21.4.09 dal tribunale, su accordo delle medesime, in punto impegno a consentire gli accessi alla casa coniugale al fine della vendita della stessa;
- che la sig.ra M. A. A., ritualmente costituitasi, ha contestato la ricostruzione dei fatti operata da controparte, chiedendo il rigetto del ricorso e, in via riconvenzionale, la revoca del proprio obbligo di versare a controparte l'importo di euro 300,00 per l'occupazione dell'immobile;
- che, in particolare, parte resistente ha affermato che la figlia maggiorenne svolge unicamente un'occupazione part-time ed è iscritta a un corso di diploma universitario a T.
Rilevato, in punto contributo al mantenimento della figlia maggiorenne e concorso paterno nelle spese straordinarie:
- che, in generale, a seguito sia della separazione personale che del divorzio tra i coniugi la prole ha diritto ad un mantenimento tale da garantirle un tenore di vita corrispondente alle risorse economiche della famiglia ed analogo, per quanto possibile, a quello goduto in precedenza, continuando a trovare applicazione l'art. 147 c.c. che impone il dovere di mantenere, istruire ed educare i figli, ed obbliga i genitori a far fronte ad una molteplicità di esigenze, non riconducibili al solo obbligo alimentare, ma estese all'aspetto abitativo, scolastico, sportivo, sanitario, sociale, all'assistenza morale e materiale, alla opportuna predisposizione fin quando l'età dei figli lo richieda di una stabile organizzazione domestica, idonea a rispondere a tutte le necessità di cura e di educazione;
- che, mentre il dovere di educazione si estingue al momento del compimento del diciottesimo anno da parte del figlio, l'obbligo di mantenimento non cessa automaticamente, ipso facto, con il raggiungimento della maggiore età (non prevedendo né l'art. 30 Cost., né l'art. 147 c.c. alcuna scadenza ad essa collegata), ma ha una durata mutevole, senza rigida predeterminazione di tempo, che è soggetta alle circostanze del singolo caso. Secondo una diffusa dottrina, il mantenimento si protrae fino al momento in cui il figlio abbia conseguito una propria indipendenza economica e sia, quindi, in grado di provvedere in modo autonomo al soddisfacimento delle proprie esigenze.
Diverso orientamento dottrinale sostiene che il mantenimento perdura fino a quando esiste la possibilità, la necessità o l'opportunità familiare e vi è partecipazione e collaborazione del destinatario del sussidio, che deve attivarsi per raggiungere i propri obiettivi personali e conquistare cosi l'autosufficienza.
Altra dottrina ritiene che il limite di durata dell'obbligo in discorso sia rappresentato dal conseguimento della maturità da parte del figlio e dall'acquisizione delle conoscenze e competenze idonee, almeno sotto un profilo potenziale, a consentirgli di trovare una occupazione che gli assicuri una indipendenza economica.
- che, nella valutazione della posizione del figlio, ai fini dell'accertamento del raggiungimento dell'autosufficienza, non si può non tener conto del processo di cambiamento che ha interessato la realtà contemporanea, la quale, rispetto al passato, ha fatto registrare un crescente ritardo nella transizione dei giovani alla vita adulta. Questo fenomeno di ritardato distacco dei figli dai genitori, ormai consolidatosi negli ultimi anni, trae origine sia da un cambiamento delle condizioni socio-economiche della famiglia media italiana, che hanno determinato un aumento della percentuale di giovani che proseguono gli studi universitari, con conseguente spostamento in avanti dell'età lavorativa, sia dalla dilatazione dei tempi di formazione universitaria, in quanto molto spesso i giovani completano gli studi anche ben oltre la soglia dei 30 anni, restando sino a tale momento (e spesso pure dopo), privi di qualsiasi fonte di entrata economica e, dunque, non autosufficienti Da tempo ormai dottrina e giurisprudenza, recependo i nuovi bisogni generati dalle vicende testè ricordate, affermano in modo sostanzialmente univoco che l'obbligo di mantenimento da parte dei genitori perdura oltre la maggiore età dei figli, se costoro non siano in grado di provvedere in modo autonomo alle proprie esigenze di vita, né siano esistenzialmente svincolati dall'habitat domestico, inteso quale centro degli affetti, degli interessi e delle consuetudini in cui si esprime e si articola la vita familiare (v. Cass. 2 settembre 1996, n. 7990; Cass. 17 settembre 1993, n. 9578; Cass. 29 dicembre 1990, n. 12212; Cass. 11 dicembre 1992, n. 13126; Cass. 3 luglio 1991, n. 7295; Cass. 13 febbraio 2003, n. 2147);
- che, fino a che tale autonomia, non solo patrimoniale, non è raggiunta, l'obbligo di mantenimento spetta ai genitori (v. Cass. 7 maggio 1998, n. 4616). Tuttavia, pur se non è possibile prefissare quando termina l'obbligo di mantenimento , è indiscutibile che esso non può protrarsi oltre ogni ragionevole limite. Il compito di individuare, caso per caso, quando il suddetto limite debba considerarsi superato e quando al figlio sia imputabile la responsabilità per non essere stato in grado di rendersi autosufficiente, è riservato al prudente apprezzamento del giudice di merito (v. Cass. 30 agosto 1999, n. 9109);
- che presupposto essenziale della persistenza dell'obbligo di mantenimento nei riguardi dei figli maggiorenni è, quindi, la mancanza della capacità di autosostenersi. Il figlio, in altre parole, non deve essere in condizione di inserirsi concretamente nel mondo del lavoro, di prendersi cura di se stesso, dì mantenersi da solo. Viceversa, l'obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne si estingue nel momento in cui quest'ultimo raggiunge l'autonomia economica. II conseguimento dell'autosufficienza economica si configura, quindi, come fatto estintivo di una obbligazione ex lege. Ciò avviene allorquando il figlio percepisca redditi, siano essi da lavoro o da capitale, integralmente sufficienti ad assicurare il suo mantenimento (v. Cass. 4 marzo 1998, n. 2392), mentre qualora tali redditi siano solo parzialmente bastevoli, l'obbligo in capo ai genitori si riduce proporzionalmente;
- che il mantenimento del figlio maggiorenne convivente e da escludere quando quest'ultimo, ancorché allo stato non autosufficiente economicamente, abbia però in passato svolto attività lavorativa, cosi dando prova del conseguimento di un'adeguata capacità e provocando la cessazione del corrispondente obbligo di mantenimento da parte del genitore. Non può avere rilievo, infatti, il successivo abbandono dell'attività lavorativa da parte del figlio, trattandosi di una scelta che, se determina l'effetto di renderlo privo di sostentamento economico, non può far risorgere un obbligo di mantenimento i cui presupposti erano già venuti meno (v. Cass. 5 agosto 1997, n. 7195; Cass. 7 luglio 2004, n. 12477). Peraltro, l'espletamento di un lavoro precario e limitato nel tempo non è sufficiente per esonerare il genitore da d'obbligo di mantenimento , non potendosi, in tal caso, affermare che si sia raggiunta un'indipendenza economica, la quale richiede, appunto, una prospettiva concreta di continuità (v. sul punto Cass. Civ. Sez. I, sentenza 30.8.1999, n. 9109, sentenza 6.4.2009, n. 8227, i cui principi sono stati applicati anche da Trib. Salerno 9.1.2009, in Famiglia e diritto 2010, n. 4, p. 41B). Una volta raggiunta l'autonomia economica e cessata il diritto al mantenimento , i figli che eventualmente vengano a versare in stato di bisogno hanno comunque diritto agli alimenti, essendo quest'ultima una obbligazione fondata su presupposti sostanziali diversi, azionabile direttamente dai figli medesimi e non già dal genitore convivente;
- che analoghi effetti estintivi produce il comportamento del figlio che sia in grado di percepire un reddito corrispondente alla professionalità acquisita in modo pieno, secondo le ordinarie condizioni di mercato, e ciononostante per sua negligenza o sua discutibile scelta, non abbia raggiunto l'indipendenza economica, ovvero versi in colpa (v. Cass. 1 dicembre 2004, n. 22500) per non essersi messo in condizione di conseguire un titolo di studio e/o di procurarsi un reddito attraverso lo svolgimento di idonea attività lavorativa, o per avere detta attività rifiutato arbitrariamente (v. Cass. 18 gennaio 2005, n. 951). L'accertamento della mancata incolpevole autosufficienza economica va condotto con rigore proporzionalmente crescente rispetto all'aumento dell'età del figlio (v. Cass. 5 agosto 1997, n. 7195), e deve necessariamente essere ispirato a criteri di relatività e cioè correlato alle aspirazioni, al percorso scolastico, universitario e post-universitario del figlio, nonché al contesto socio economico, con particolare riferimento al mercato del lavoro ed al settore verso il quale il soggetto abbia rivolto l'attenzione alla luce della propria formazione e specializzazione (v. Cass. 3 aprile 2002, n. 4765);
- che la giurisprudenza (v. Cass. 7 maggio 1998, n. 4616), a tale proposito, tende ad escludere che possano configurarsi profili di responsabilità nella condotta del figlio che rifiuti una collocazione lavorativa non adeguata alla propria specifica preparazione professionale, alle proprie attitudini ed ai propri effettivi interessi, quantomeno nei limiti temporali in cui dette aspirazioni abbiano una ragionevole possibilità di essere realizzate e sempre che siffatto comportamento sia compatibile con le condizioni economiche della famiglia. Il genitore che neghi la persistenza dei proprio obbligo di mantenimento nei riguardi del figlio maggiorenne, in virtù del fatto che lo stesso non espleti attività lavorativa retribuita, è tenuto a dimostrare che ciò sia conseguenza della condotta colpevole del figlio, il quale, pur capace di provvedere a sé stesso con appropriata collocazione in seno al corpo sociale, persista in una situazione di inerzia nella ricerca di un lavoro confacente alle proprie attitudini, o rifiuti le opportunità che gli si presentano, o abbandoni immotivata mente il posto di lavoro occupato (v. Cass. 30 agosto 1999, n. 9109). Mentre è indubbio che detto obbligo perdura quando la decisione di intraprendere un lungo corso di studi sia stata adottata di concerto tra il figlio ed i propri genitori, perplessità sussistono, invece, nel caso in cui i figli compiano scelte completamente differenti rispetto alla volontà dei genitori. In siffatta ipotesi è corretto ritenere che questi ultimi, in forza dell'obbligo di rispettare le inclinazioni naturali e le aspirazioni dei figli, siano comunque tenuti ad assecondare le loro decisioni ove conformi a detti parametri, e, dunque, a mantenere gli stessi per l'intera durata del periodo formativo;
- che, nel caso attualmente sub iudice, il padre ha dedotto e documentato la sussistenza dì un contratto di apprendistato, il quale scadrà nel 2014 e, pertanto, si palesa inidoneo ad essere trasformato in rapporto a tempo indeterminato;
- che, pertanto, deve ritenersi non provata la condizione di autosufficienza economica della figlia, la quale, pertanto, deve tuttora percepire un assegno dì mantenimento ;
- che il parametro di riferimento, ai fini della determinazione del concorso negli oneri finanziari, è costituito, secondo il disposto dell'art. 148 cc, non soltanto dalle sostanze, ma anche dalla capacità di lavoro, professionale o casalingo, di ciascun coniuge, ciò che implica una valorizzazione anche delle accertate potenzialità reddituali (cfr. Cassazione civile, sez. 1,19 marzo 2002, n. 3974). A ciò deve aggiungersi che l'eventuale squilibrio reddituale tra i coniugi può costituire un punto di partenza per la determinazione dei contributi economici dovuti da ciascun genitore per il mantenimento della prole, ma resta ferma la necessità di integrare tale parametro con riferimenti puntuali alle necessità specifiche del figlio/dei figli (v. Cass. Civ. Sez. I, sentenza n. 10222 del 4.3.2009);
- che i dati economici in precedenza indicati, uniti alla valutazione della concreta misura dell'apporto fornito dai genitori alle esigenze dei figli consentono, quindi, di accertare la sussistenza o meno dei presupposti per la previsione di un assegno di mantenimento , nonché la misura di tale assegno , calcolata in modo tale da consentire ad entrambi i genitori di compartecipare in modo eguale al soddisfacimento delle esigenze della prole, compensando l'eventuale divario delle rispettive disponibilità economiche alla luce della concreta ripartizione dei compiti di accudimento. Tale dato andrà, poi, ulteriormente temperato con la considerazione dell'eventuale valore economico del godimento della casa coniugale, nel caso in cui questa sia fatta oggetto di un provvedimento di assegnazione, ai sensi dell'art 155 quater cod. civ., ovvero di una cessione volontaria;
- che, nel caso di specie, l'attività istruttoria svolta ha consentito di accertare i seguenti dati:
1) la figlia, che attualmente ha 23 anni, pur mantenendo la residenza presso la madre conduce un appartamento in locazione, al canone mensile di euro 390,00 (pagato dalla madre ma a carico dell'effettivo conduttore e, pertanto, di S. medesima), guadagna circa euro 600,00 al mese ed è iscritta all'Università;
2) il padre guadagna circa euro 2.500,00 al mese;
3) la madre guadagna circa euro 2.500,00 al mese e abita nella casa coniugale, di proprietà del coniuge;
- che la valutazione di tutti i dati di giudizio sin qui brevemente indicati porta a ritenere congrua la determinazione del contributo paterno al mantenimento di S. nella misura di euro 150,00 al mese, annualmente rivalutabili in base agli indici ISTAT, tenuto conto, altresì, delle maggiori esigenze della figlia connesse alla frequenza dell'Università, oltre al 50% delle spese straordinarie;
- che, in punto versamento del contributo al mantenimento della figlia maggiorenne direttamente a quest'ultima, deve rilevarsi, in generale, che l'interpretazione giurisprudenziale più oculata formatasi sull'art. 155 quinquies cc all'indomani della novella legislativa del 2006 ha ritenuto che la locuzione normativa secondo cui il contributo al mantenimento debba essere attribuito direttamente alla prole maggiorenne, a meno che non sussistano giustificati motivi per provvedere diversamente, debba essere utilizzata dal Giudice come strumento di valutazione di tutte le circostanze della fattispecie concreta, verificando se una corresponsione diretta a mani del figlio possa o meno creare difficoltà sul piano della gestione dei suoi interessi di vita e, pertanto, senza alcun automatismo applicativo (v. Trib. Marsala, 26.2.2007, in www.dejuregiuffre.it). In particolare, la corresponsione dell' assegno di mantenimento direttamente al figlio maggiorenne è imprescindibile quando costui conduca già una vita proiettata prevalentemente fuori dalle mura domestiche, come può avvenire, per esempio, nel caso di studente universitario fuori sede, perché in tal caso egli sostiene da sé le spese del suo mantenimento (v. Trib. Lodi sez. I, 19.12.2008, in www.dejuregiuffre.it), o quando il passato della coppia è segnato da contrasti più o meno accesi sulla gestione di un genitore faceva del contributo al mantenimento della prole (v. App. Milano, 6.6.2007, in www.affidamentocondiviso.it), oppure, ancora, quando già sussista una prassi consolidata in tal senso (v. a tale proposito, anche per la ricostruzione sistematica, il rigore logico e la chiarezza esplicativa.
(Torna su ) P.Q.M.
PQM
In parziale modifica delle condizioni di cui al verbale di separazione consensuale omologato dal Tribunale di Novara in data fra i sigg. S. R. e M. A. A.
Fissa il contributo paterno al mantenimento della figlia maggiorenne S. nell'importo mensile di euro 150,00, da corrispondersi direttamente alla figlia entro il giorno 5 di ogni mese e da rivalutarsi annualmente in base agli indici Istat, oltre al 50% delle spese straordinarie documentate.
Spese compensate.
Cosi deciso in data 31/5/2012
Il Presidente Bartolomeo Quatraro
Depositato in cancelleria il 1/6/2012

Ultime SENTENZE

Personaggio pubblico fotografato all'interno del parco di una villa in atteggiamento colloquiale con alcuni ospiti. La realizzazione di foto all’interno di luoghi di privata dimora con mezzi tecnici invasivi, tali da superare gli ostacoli alla visibilita', integra una condotta illecita cui conseg...
Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 29 aprile – 22 luglio 2014, n. 16647 Presidente Luccioli – Relatore Acierno Svolgimento del processo Con la sentenza impugnata, il Tribunale di ...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Civile

Distanze legali. Riduzione in pristino.
Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza 15 maggio – 22 luglio 2014, n. 16687 Presidente Piccialli – Relatore Abete Svolgimento del processo Con atto notificato in data 5.5.1998 Z.L. ,...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Civile

Bioetica: gli ovuli umani non fecondati, la cui divisione e il cui sviluppo ulteriore siano stati stimolati attraverso la partenogenesi, non sono compresi nella nozione di embrione umano ex art. 6 Direttiva 98/44/CE finche' non siano capaci di svilupparsi in un essere umano e non siano stati gen...
Avvocato Generale, conclusioni 17 luglio 2014, causa C-364/13(*) «Direttiva 98/44/CE – Protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche – Brevettabilità – Cellule staminali – Stimolazione at...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Amministrativo · Diritto Civile

Valutazione equitativa. Criteri.
Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 27 febbraio – 11 luglio 2014, n. 15883 Presidente Salmè – Relatore Scarano Svolgimento del processo Con sentenza del 26/5/2010 la Corte d'Appe...
Disciplina: · Cassazione · Diritto Civile

Richiedi una Consulenza
Sentenze online di diritto civile
Il tuo nome:

La tua e-mail:

Disciplina:


Leggi LEGGI
MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 25 giugno 2013, n. 95
Legge
Regolamento recante: «Accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti libero professionali tra il Ministero della s...
Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici.
Legge
LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220 Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. (12G0241) GU n. 293 del 17-12-2012 te...
Chiunque viene a conoscenza dell'allontamento di persone può denunziare il fatto alle Autorità.
Legge
LEGGE 14 novembre 2012, n. 203 Disposizioni per la ricerca delle persone scomparse. (12G0225) (GU n. 278 del 28-11-2012)...
Riconoscimento dei figli naturali: è legge.
Legge
Proposta di legge recante Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali Testo unificato 4054-B definitivament...
Le comunicazioni della Cancelleria attraverso la PEC. Art. 16 D.L. 179/12
Legge
DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) (GU n. 245 del 19-10...
Servizio Leggi online
Notizie NOTIZIE
La morosita' e' incolpevole? L'inquilino rimane a casa.
Notizia
Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 14 maggio 2014 G. U. 14 luglio 2014 n. 161 Attuazione dell'arti...
I nuovi importi per il calcolo del danno biologico da lesioni micro permanenti.
Notizia
Ministero dello Sviluppo Economico , decreto 20 giugno 2014; G.U. 4 luglio 2014, n. 153 Aggiornamento annuale degli importi...
Salvi i contratti in nero: legge 80/14. Triplo rendita catastale.
Notizia
Con l’approvazione della legge n. 80/2014, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 27 maggio scorso, il Parlamento ha definitiv...
Inail, premi dimezzati per donne e ultracinquantenni.
Notizia
Si applica anche ai premi Inail, oltre che ai contributi Inps, la riduzione del 50% prevista dalla legge 92/2012 per chi assume...
Contratti di sviluppo.
Notizia
Pubblicato in G.U. il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 14 febbraio scorso, in attuazione dell'art. 3 d.l ...
Sito progettato e ottimizzato da SEONWEB - Programmed by Alessio Amaro - Tutti i diritti sono riservati - P.IVA: 01480700812